Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Konami fa chiarezza sulle microtransazioni per la Mother Base di MGSV

Konami fa chiarezza sulle microtransazioni per la Mother Base di MGSV

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain

PC, PS3, PS4, X360, XONE

Azione

1 settembre 2015 - 13 ottobre 2016 Definitive Experience

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 24/08/2015
Con l'uscita delle recensioni di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, è venuto a galla un episodio che ha generato attrito tra la testata internazionale GameSpot e Konami: il redattore del magazine, infatti, aveva scritto che "l'accesso al multiplayer competitivo Forward Operating Base [FBO, ossia la possibilità di attaccare le Mother Base nemiche, ndr], sarà bloccato dietro una barriera di microtransazioni."



"Per poter partecipare al multiplayer online in cui i giocatori attaccano le basi altrui, devono prima utilizzare denaro reale per comprare i coin MB" prosegue GameSpot.
L'azienda giapponese, letto questo passaggio, ha deciso di pubblicare immediatamente un comunicato per fare chiarezza, negando la veridicità di queste informazioni che avevano messo i giocatori sul chi va là.

"GameSpot ha scritto un articolo, dopo la recensione, dove diceva che la modalità FOB di MGSV TPP sarebbe bloccata dalle microtransazioni, il che semplicemente non è vero. La modalità FOB sarà accessibile pienamente al lancio, e le microtransazioni fungono da acceleratore. Avremo più dettagli da pubblicare al debutto del gioco, ma fin dall'E3, quando questi rumor hanno cominciato a circolare, abbiamo cercato di fare chiarezza" sono le parole di Konami.

Di contro, Peter Brown, redattore autore dell'articolo, ha ribadito su Twitter che è necessario spendere moneta reale per giocare la modalità FOB. Resta da capire se sia lui a sbagliarsi – o se alcune feature, come l'ottenimento dei coin MB in-game, non fossero ancora sbloccate nel codice review – o se sia Konami a non aver fatto propriamente chiarezza.

Attendiamo di riferirvi di più in merito.