Un software della Nasa ha aiutato Elite: Dangerous nella creazione dello spazio

Chris Gregory, art director di Elite: Dangerous, ha spiegato, in una recente intervista concessa all'ultimo numero di Official Xbox Magazine, che una tecnologia intelligente chiamata Stellar Forge ha aiutato il team a creare l'universo del gioco. Stellar Forge utilizza i dati raccolti dalle sonde NASA. “Esso genera una simulazione dell'intera galassia basato, per quanto possibile, sui dati NASA. Quello che poi è necessario è una qualche forma di visualizzazione, che quello che abbiamo dovuto fare” ha spiegato Gregory.

I dati ottenuti da Stellar Forge hanno consentito la creazione di pianeti basati su fattori fisici e gravitazionali, aggiungendo così un ricco stato di credibilità per l'universo affrontato dai giocatori in Elite: Dangerous.
Data di uscita: 16 dicembre 2014 - Estate 2015 (Xbox One)
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.