Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Il padre di Oddworld dice la sua sullo stato attuale dell'industria videoludica

Il padre di Oddworld dice la sua sullo stato attuale dell'industria videoludica

Oddworld: Abe's Oddysee New 'n' Tasty

3DS, PC, PS3, PS4, PSVITA, WIIU, X360, XONE

Platform

23 luglio 2014 (PS4) - 25 febbraio 2015 (PC) – 27 marzo 2015 (Xbox One) - 22 aprile 2015 (PS3) - 19 gennaio 2016 (PS Vita) - TBA (Wii U)

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 30/03/2015
GamesIndustry ha avuto modo di intervistare Lorne Lanning, creatore della nota serie Oddworld. Lo sviluppatore ha così espresso il suo parere sull'attuale stato dell'industria videoludica, sempre più un prolifico business, così imponente da vedere budget impressionanti vorticare attorno alle cosiddette produzioni AAA.



La situazione non piace a Lenning, che preferisce invece dedicarsi ad un pubblico di nicchia, community più piccole: "come artigiani, le nostre opportunità stanno nel trovare delle nicchie in cui conosciamo il nostro pubblico, e concentrarci su di esse, ascoltandone le necessità, rispettandole, trattandole con grazia" ha spiegato Lanning.

Subito dopo, lo sviluppatore ha parlato anche dell'odierno atteggiamento dei publisher che, spendendo una mole di denaro molto più impressionante rispetto al passato, sono disposti a prendersi molti meno rischi. I giochi sono sempre più costosi, il che significa che gli sviluppatori hanno bisogno di più supporto economico dai publisher, che a loro volta vogliono certezze per la cifra da sborsare. Il tutto, si traduce nel fatto che non ci si può concedere troppi azzardi (o innovazioni).

"La possibilità degli indie è quella di trovare il loro pubblico. Più economico è il loro prodotto, più sono le loro opportunità creative. Meno soldi devi spendere, più rischi puoi prenderti" ha concluso Lanning.