Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Addio Maxis Emeryville: EA chiude lo studio autore di SimCity e Spore

Addio Maxis Emeryville: EA chiude lo studio autore di SimCity e Spore

Maxis
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 04/03/2015
È arrivata poco fa la notizia che Electronic Arts ha deciso di chiudere Maxis Emeryville, lo studio che aveva messo la firma su titoli come SimCity e Spore. La triste novità era stata anticipata su Twitter da Guillaume Pierre, designer presso il team, che aveva inviato un messaggio incapace di lasciare spazio a dubbi: "beh, è stato divertente per questi dodici anni, ma è venuto il momento di spegnere le luci e mettere le chiavi sotto la porta. #RIPMaxisEmeryville" erano state, infatti, le sue parole.



Ad esse, ha fatto seguito il comunicato ufficiale di EA, che fornisce tutti i dettagli del caso, rassicurando anche i fan di The Sims sul futuro del franchise. Vi traduciamo i passaggi più significativi:
"Oggi, consolidiamo lo sviluppo delle proprietà intellettuali di Maxis nei nostri studio di Redwood Shores, Salt Lake City, Helsinki e Melbourne locations, mentre chiudiamo quello di Emeryville. Maxis continua a supportare e sviluppare nuove esperienze per gli attuali giocatori di The Sims e SimCity, mentre espandiamo i nostri franchise su nuove piattaforme, e sviluppiamo nuove proprietà intellettuali cross-platform."

"Questi cambiamenti non modificano i nostri piani per The Sims. I giocatori avranno ancora una ricca esperienza in The Sims 4 [...] Tutti gli sviluppatori coinvolti in questi cambiamenti, avranno la possibilità di valutare altre posizioni dentro gli studio di Maxis o dentro EA. Per quelli che lasceranno la compagnia, siamo al lavoro così da garantire loro la transizione migliore possibile."


E chissà se il disastroso lancio di SimCity, nel 2013, non sia il maggior complice di questa decisione. Auguriamo ovviamente agli ex membri del team Maxis tutto il meglio per il loro futuro professionale.

Si ringrazia Andrea Zabbia per la segnalazione