Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Il presidente Barack Obama si scaglia contro gli attacchi DDoS

Il presidente Barack Obama si scaglia contro gli attacchi DDoS

Videogames
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 14/01/2015
Pugno duro contro chi si rende responsabile di attacchi DDoS e crimini informatici: è questo lo scopo della proposta di legge avanzata da Barack Obama, presidente degli Stati Uniti d'America, deciso a porre fine ad una pratica che, nei tempi recenti, è salita particolarmente alla ribalta.



Come ricorderete, infatti, sono stati proprio degli attacchi DDos a costringere offline Xbox Live e sopratutto PlayStation Network durante le feste natalizie. La misura proposta dal presidente, intitolata RICO (Racketeering Influenced Corrupt Organizations) Act, vuole utilizzare il pugno duro contro il cybercrimine, estendendosi ovviamente anche a coloro che riescono a rubare dati e denaro tramite la Rete.

"I cyber-atacchi minacciano la sicurezza e la prosperità del nostro Paese" è stato il commento della Entertainment Software Association. "Elogiamo il ruolo di leadership del presidente Obama, che vuole fornire ai tutori della legge i mezzi che gli sono necessari per individuare e perseguire il crimine digitale organizzato."

Vedremo se le nuove misure statunitensi riusciranno, una volta applicate, a scoraggiare i criminali della Rete.