Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Alcune copie dissotterrate di E.T ora esposte al VIGAMUS di Roma

Alcune copie dissotterrate di E.T ora esposte al VIGAMUS di Roma

Videogames
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 28/10/2014
Per entrare nella Storia, dei videogiochi o meno, bisogna fare qualcosa di particolarmente brillante, o qualcosa di particolarmente orrendo. È il caso, come sapete, di E.T. L'extraterrestre, videogioco Atari talmente brutto da meritare la sepoltura delle sue cartucce nel deserto di Alamogordo, in Nuovo Messico.



Recentemente, ciò che rimaneva delle cartucce è stato però riportato alla luce, ed è divenuto un vero e proprio cimelio della storia di questo medium – al punto che il VIGAMUS, Museo dei Videogiochi di Roma, ne esporrà alcune in una mostra dedicata, intitolata "E.T. The Fall: Atari Buried Treasures".

Come è facile intuire dal nome, l'evento si concentrerà sui "tesori sepolti" di Atari, che saranno messi in mostra da domani, 29 ottobre, con tanto di certificati di autenticità.