Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Realtà virtuale ideale per gli horror per il producer di Resident Evil Revelations 2

Realtà virtuale ideale per gli horror per il producer di Resident Evil Revelations 2

Resident Evil: Revelations 2

TECH

Survival horror

Halifax

25 febbraio 2015 - Estate 2015 (PS Vita)

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 13/10/2014
Mentre qualcuno teme che l'utilizzo della realtà virtuale possa rivelarsi dannoso per i deboli di cuore e gli impressionabili, Michiteru Okabe – producer di Resident Evil: Revelations 2 – ritiene che proprio quest'ultima tecnologia sia ideale per i videogiochi horror.



"Personalmente, sono davvero eccitato dalla realtà virtuale. Credo che abbia perfettamente senso. Siamo passati dal 2D al 3D, ed ora è giunto il momento di lasciarsi circondare da questi mondi, anziché avere solo uno schermo di fronte a te. Ha perfettamente senso, è il tempo di questa tecnologia."

"È [una tecnologia] sensata per un sacco di generi ludici; credo che, in particolare, lo sia per i giochi horror, dove il coinvolgimento è più importante che, magari, in altri generi. Credo che dovremmo davvero cominciare a pensare a cosa potremmo fare per sfruttare, in futuro, questo tipo di tecnologia"
ha concluso Okabe.