Soldati nelle scuole? Si' per l'ex director di Call of Duty: Black Ops

Dave Anthony, che ha diretto Call of Duty: Black Ops e Call of Duty: Black Ops II, ha dichiarato che il governo degli Stati Uniti dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di introdurre i soldati in borghese nelle scuole, al fine di prevenire eventuali attacchi futuri. “La minaccia ora viene dall'interno” ha dichiarato Anthony all'Atlantic Council “Immaginate un concetto di qualcosa come una 'school marshal'; questi ragazzi sono soldati americani in borghese, il cui compito e parte della loro responsabilità è quello di proteggere le scuole. Non sono in giro con mitragliatrici ma sono armati e in grado di affrontare le minacce in tempo reale.

Questo sistema permetterebbe alle truppe americane di essere attivamente utilizzate per aiutare a ridurre i problemi di sicurezza del paese. “Al pubblico non piacerà, penserà che si tratti di uno Stato di polizia. Tuttavia, ho detto che la percezione del pubblico per questi piani è un problema risolvibile” ha continuato Anthony “Quello che voglio fare è sfidare la gente a pensare in maniera differente su questi temi.

Guardo l'esercito americano e, ironicamente, ha gli stessi problemi che ha un franchise come Call of Duty. Siamo entrambi i migliori in quello che facciamo. Abbiamo nemici che cercando di portarci giù dalla vetta in ogni occasione possibile. La differenza è che noi sappiamo come agire.” ha concluso Anthony.
Cosa ne pensate?
Data di uscita: 13 novembre 2012
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.