Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Nintendo non interessata al pubblico di videogiocatori passivi

Nintendo non interessata al pubblico di videogiocatori passivi

Nintendo (Software House)
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 27/08/2014
Shigeru Miyamoto, luminare dell'industria videoludica, ha rilasciato alcune dichiarazioni al magazine britannico EDGE, dichiarando che Nintendo non è più interessata ad entrare nelle grazie dei videogiocatori passivi, ma vuole puntare alla realizzazione di titoli che possano dare del filo da torcere agli utenti.



Ma cosa si intende con videogiocatori passivi? "Si tratta di quel tipo di persone che, per esempio, dovrebbe vedere un film. Dovrebbe andare a Disneyland. Il loro atteggiamento è 'sono il cliente, devi intrattenermi'. È un tipo di atteggiamento passivo, che io trovo in qualche modo anche patetico" ha spiegato Miyamoto-san, "non hanno idea di quanto sia interessante fare un passo avanti e provare a sfidare te stesso con giochi più avanzati."

"All'epoca di DS e Wii" ha riflettuto Miyamoto, "Nintendo ha fatto del suo meglio per espandere il pubblico dei videogiocatori. Fortunatamente, grazie alla diffusione degli smart device, le persone ora danno i giochi per scontati. È una cosa positiva per noi, perché non dobbiamo preoccuparci di realizzare qualcosa che possa essere rilevante per la vita quotidiana delle persone in genere."