Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
GameStop: Non vogliamo insegnare a sviluppatori e publisher il loro lavoro

GameStop: Non vogliamo insegnare a sviluppatori e publisher il loro lavoro

GameStop

PC, PS3, PS4, PSVITA, WIIU, X360, XONE

Fondato nel 1984

A cura di Pietro Guido “Raxias” Gualano del 10/07/2014
Paul Raines, amministratore delegato di GameStop, ha recentemente parlato dei progetti della compagnia per il futuro mettendo le cose in chiaro in merito a un possibile coinvolgimento di GameStop nella parte creativa dello sviluppo:

"La nostra importanza in questo mercato continua a salire: è per questo e per molti altri motivi che i giocatori preferiscono fare acquisti da GameStop. Quando pensiamo al business del gaming e ai costi dietro allo sviluppo di videogiochi, noi vediamo un'opportunità di investire capitali con sviluppatori e publisher in cambio di contenuti assolutamente esclusivi da distribuire nei nostri negozi e sul nostro store online. E' un progetto ambizioso che richiederà molto tempo, siamo solo all'inizio di un percorso a lungo termine; anche gli sviluppatori potranno avere dei benefici da questo accordo, con la garanzia di un'adeguata visibilità e distribuzione del loro prodotto. Non devono temere nessuna intromissione da parte nostra per quanto riguarda il processo creativo, vogliamo solo fornire loro dei capitali e ottenere dei vantaggi in cambio: sarebbe folle da parte nostra dire a sviluppatori e publisher come lavorare, lo fanno già molto bene. Per cui la nostra proposta è semplicemente questa: investimenti in cambio di contenuti esclusivi."