Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
I prezzi nella beta di PlayStation Now non sono tanto economici

I prezzi nella beta di PlayStation Now non sono tanto economici

PlayStation Now
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 21/06/2014
Mentre noi europei attendiamo ancora di scoprire quando PlayStation Now arriverà presso i nostri lidi – nella speranza che la banda larga italiana si riveli equiparabile a quella del Primo Mondo – sono stati svelati nelle scorse ore i prezzi proposti da Sony nella closed beta del servizio, attualmente in essere negli Stati Uniti.

La cosa curiosa è che, effettivamente, i tester devono sborsare dei soldi per mettere alla prova il servizio – ed i prezzi proposti faranno sicuramente storcere il naso ai più.
Per noleggiare Final Fantasy XIII-2, uscito nel 2012, il collega di Kotaku ha fatto notare che gli sono stati richiesti $4,99 per quattro ore di gioco e $29,99 per novanta giorni – prezzo fuori dal mondo se si considera che, senza spendere molto di più, i retailer consentono di portare a casa la copia fisica del prodotto completo.



Simile la situazione anche per Guacamelee, il cui noleggio per novanta giorni è fissato a $14,99, finendo con il suonare grottesco a fronte del fatto che il prezzo di listino del titolo completo su PS Store USA è di $15.
Fortunatamente, Sony ha precisato che "i giochi e le caratteristiche mostrate sono stati inseriti solo per poter essere testati. Non sono indicativi dei prezzi finali", il che lascia presumere che i costi dovrebbero abbassarsi quando il servizio sarà lanciato. È anche vero che però, nelle FAQ del servizio, viene specificato che "l'imminente open beta metterà alla prova alcune fasce di prezzo e la durata dei periodi di noleggio. Vedrete periodi più brevi anche a $2,99, mentre la maggior parte dei titoli varierà tra quello e $19,99. Annunceremo più informazioni in futuro."

Attendiamo di scoprirne di più in futuro, sopratutto a fronte del fatto che Sony dovrebbe lanciare della sottoscrizioni al servizio, che potrebbero essere più economiche di così.