Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Il mercato dei giochi social e mobile inizia a faticare

Il mercato dei giochi social e mobile inizia a faticare

Videogames
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 15/05/2014
Sembra che gli analisti che, un tempo, ritenevano che il social e mobile gaming fossero la nuova frontiera del nostro medium preferito, dovranno rivedere le loro dichiarazioni. I numeri di SuperData rivelano infatti che entrambi i mercati stanno subendo una flessione negativa: di preciso, sono quattro mesi consecutivi che i giochi mobile vanno in peggioramento, andando in decrescita del 6% di mese in mese.

Il CEO di SuperData, Joost van Dreunen, ritiene che questi numeri siano figli di una saturazione di questa tipologia di mercato, che costringerà i publisher a modificare le loro strategie e a reinventare i titoli mobile per superare il momento negativo.
"Con $425 milioni totali di entrate ad aprile, il mercato dei giochi mobile negli Stati Uniti sta mostrando segnali di saturazione. Per portare le acquisizioni degli utenti a crescere, i publisher hanno già dovuto fare i loro sforzi in materia di marketing. Nel frattempo, la spesa mensile media per un giocatore mobile nordamericano, che ad aprile era di $1,07, è rimasta stabile fin dall'inizio dell'anno. Le attuali condizioni di mercato costringono i publisher di tutte le dimensioni non solo a realizzare grandi giochi – ovviamente – ma anche a sviluppare una strategia di mercato adatta" sono state le parole del CEO.

Sembra che una delle strategie che alcuni publisher siano in procinto di intraprendere, sia quella di distribuire i loro prodotti su scala mondiale: alcuni di essi, infatti, sebbene con base in Occidente, stanno cominciando a puntare i mercati emergenti dell'America Latina e dell'Asia – con l'arcinota King che, ad esempio, ha stretto una partnership con Tencent per portare Candy Crush Saga anche in Cina.
Vedremo se questa strategia premierà o meno i loro sforzi, aprendo nuove porte per il mercato mobile.