Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Ubisoft parla del sistema di reputazione in Watch_Dogs

Ubisoft parla del sistema di reputazione in Watch_Dogs

Watch Dogs

PC, PS3, PS4, WIIU, X360, XONE

Action-Adventure

Italiano

Ubisoft

27 maggio 2014 - 20 novembre 2014 Wii U

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 14/05/2014
Attraverso Ubi Blog ufficiale, Ubisoft ha parlato oggi di alcuni dettagli relativi al sistema di reputazione che vedremo a breve in Watch_Dogs. Chicago, infatti, modificherà il suo atteggiamento in base alle nostre azioni, ed anche i media reagiranno in base al nostro atteggiamento. Fare del male ai cittadini innocenti non solo ci creerà una pessima immagine, ma porterà anche i mass media a schiaffare in prima pagina la nostra faccia, additandoci come mostri.

La sorte sarà invece diverse in caso contrario, quando compiremo gesti nel rispetto degli altri cittadini, ed i media non sapranno bene come etichettarci: "i media cominceranno a parlare di voi, ma forse non con toni poi così negativi. Si chiederanno piuttosto cose come 'è una brava persona? È un eroe? È un terrorista?' Cominceranno a farsi questo tipo di domande" ha spiegato il lead writer Kevin Shortt.

"Se sei visto come una brava persona e cominci a sparare ai poliziotti, il livello di fama scenderà molto rapidamente. Se individui i crimini e salvi le persone per redimerti, riavrai la tua reputazione, ma dovrai lavorare per riuscirci. Ti richiederà del tempo e delle buone azioni" ha poi voluto aggiungere il lead gameplay designer Danny Belanger.

Ci sarà anche la possibilità di compiere determinati gesti senza che le persone riescano a risalire direttamente a noi: tuttavia, essi avranno comunque delle ripercussioni sulla moralità di Aiden.
"Stiamo facendo ogni cosa il più vicina possibile alla realtà. Vogliamo che sentiate la città vivere attorno a voi. Vogliamo che vi rendiate conto che ci sono conseguenze per il compimento di alcune cose. Starà al giocatore scegliere come vuole agire, in tal proposito" ha spiegato Shortt.