Nintendo era dittatoriale con i third-party, secondo Blake J. Harris

GameInformer ha pubblicato sul suo numero di giugno 2014 una interessante intervista con Blake J. Harris, autore del libro Console Wars, che diventerà anche un film. Lo scrittore-regista ha raccontato alcuni episodi relativi a Nintendo e all'epoca in cui la concorrenza di SEGA era parecchio debole – a suo dire – la grande N intratteneva rapporti praticamente dittatoriali con gli sviluppatori third party.

"Nintendo non si faceva certo del bene per il modo in cui trattava gli sviluppatori third-party" ha raccontato Harris a GameInformer. "I developer avevano degli accordi molto rigidi con Nintendo. Prima di tutto, potevano solo fare cinque giochi all'anno, e Nintendo aveva il diritto di approvarli. Se volevano impiegare diversi mesi a valutare un gioco, li avrebbero impiegati. Per dirla francamente, molti dei third party e dei retailer con cui ho parlato dicevano cose del tipo 'Nintendo ti teneva per le p***le e lo sapeva."
Sarà curioso scoprire se, con la pubblicazione di queste dichiarazioni, Nintendo vorrà fornire una risposta alle parole di Harris.
Data di uscita: Fondata nel 1889
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...

 
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.