Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Perde online a Call of Duty, si vendica mandando la SWAT dall'avversario

Perde online a Call of Duty, si vendica mandando la SWAT dall'avversario

Call Of Duty: Ghosts

PC, PS3, PS4, X360, XONE

Sparatutto

Italiano

Activision

5 novembre 2013

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 26/04/2014
In tutti questi anni vi abbiamo riferito tante notizie curiose e folli relative al mondo dei videogiochi, ma questa rischia davvero di batterle tutte. Un giocatore online di Call of Duty, infatti, dopo essere stato surclassato online dal giovane Raphael Castillo, ha deciso di tirargli un brutto scherzo: ha contattato la polizia, riferendo le generalità di quest'ultimo e precisando di abitare a Long Beach, aggiungendo che "ho ucciso mia madre e mio fratello, e potrei sparare ad altre persone."
La reazione delle forze dell'ordine statunitensi è stata immediata: per evitare che il presunto killer facesse spargimenti di sangue, è stato richiesto addirittura l'intervento della SWAT, che ha rintracciato l'indirizzo esatto del diciassettenne, e si è presentata all'appuntamento con ben sessanta agenti ad armi spiegate.

Gli agenti hanno cercato di convincere il ragazzo ad uscire per ben 20 minuti, ma quest'ultimo – ancora impegnato a giocare con tanto di cuffie – non si era accorto subito di quanto stava accadendo, ed è stato suo fratello ad andare a cercarlo nella sua stanza, informandolo che la casa era circondata da agenti che lo cercavano.
Chiarito il disguido, gli agenti hanno scoperto che l'autore dello scherzo è riuscito a risalire all'indirizzo del giovane Castillo tramite il suo indirizzo IP: "sarà stato probabilmente solo qualche bambino" ha dichiarato un agente, "ci siamo recati al luogo della segnalazione e non abbiamo trovato nulla. Ci ha portato via un sacco di risorse, ha generato problemi al traffico, e invece alla fine si è rivelato essere solo uno scherzo."

Il commissario Michael Tangney ha spiegato che questo tipo di scherzi, chiamati "swatting", sta divenendo molto comune tra i ragazzi statunitensi, che contano i loro punteggi in base a quante unità di emergenza riescono a smuovere con una chiamata: l'intervento dell'elicottero, ad esempio, vale punti extra: "in questo mondo bizzarro dello Swatting, ottieni dei punti per l'elicottero, per le auto della polizia, per la squadra SWAT, per la tipologia di intervento. È molto sofisticato. Purtroppo, è anche molto pericoloso."