Stephane D’Astous critica Square Enix per la gestione dei suoi migliori franchise

Negli utlimi giorni Stephane D’Astous è balzato agli onori delle cronache videoludiche per il suo addio a capo dello studios Eidos Montreal, che dirigeva da sei anni e col quale ha contribuito allo sviluppo di Deus Ex: Human Revolution e al reboot di prossima uscita della serie Thief.

Le divergenze con il publisher Square Enix erano ormai insanabili e il dirigente ha deciso di lasciare, ma non senza criticare e rimproverare la compagnia giapponese, che ha avuto un anno finanziario tribolato nonostante avesse nel proprio portfolio titoli tripla A del calibro di Tomb Raider, Hitman: Absolution e Sleeping Dogs. D’Astous crede che la compagnaia abbia fallito nel tradurre la qualità dei titoli in un succeso monetario.

Ecco le parole che ha rilasciato a Polygon: "Ci troviamo in una situazione in cui abbiamo grandi giochi che avrebbero potuto vendere di più. L'anno scorso sarebbe dovuta essere una grande stagione ma così non è stato. Il publisher ha bisogno di imparare alcune cose su come vendere i propri giochi. Hanno grandi franchise, ma devono imparare a gestirli meglio".
Altro punto critico attaccato da D’Astous è quello relativo la comunicazione tra la compagnia madre e i suoi studios, ritenuta carente.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.