Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Non c'è alcun legame tra giochi violenti e comportamenti anti-sociali

Non c'è alcun legame tra giochi violenti e comportamenti anti-sociali

Grand Theft Auto IV

PS3, PS4, WIIU, X360, XONE

Azione

Parlato inglese, testi a schermo in italiano

Take 2

29 Aprile 2008 360/PS3 - 3 Dicembre 2008 PC

A cura di Pietro Guido “Raxias” Gualano del 04/07/2013
Secondo un recente studio condotto da un'università australiana non c'è alcun legame tra la violenza nei videogiochi e i comportamenti anti-sociali di un determinato soggetto. Lo studio si è svolto attraverso tre esperimenti separati che hanno coinvolto 160 studenti (il 55 per cento di sesso maschile) di età compresa tra i 17 e 43 anni. Gli studenti hanno giocato un titolo ritenuto anti-sociale (Grand Theft Auto IV), uno violento (Call of Duty Black Ops in modalità Zombie), uno non violento (Portal 2) e infine uno pro-sociale (World of Zoo); altri esperimenti sono stati condotti con giochi diversi.

Ecco il risultato finale di questa ricerca:

"Tre esperimenti non sono riusciti a individuare un effetto dannoso dei videogiochi violenti sul comportamento pro-sociale, nonostante siano stati usati giochi contemporanei e classici con diversi tipi di esposizione. Anche se questo studio non è la prova definitiva che i videogiochi violenti non hanno alcun effetto dannoso sul comportamento pro-sociale, è comunque possibile che le preoccupazioni sollevate finora riguardo a questo tipo di giochi siano eccessive e sproporzionate."