Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Rare, l'acquisizione Microsoft ha rovinato tutto

Rare, l'acquisizione Microsoft ha rovinato tutto

Rare (software house)
A cura di Massimiliano “bl4ckm4x” Di Marco del 01/07/2013
Dopo essere stata acquistata da Microsoft, Rare ha perso il suo spirito e la sua "scintilla". Così Phil Tossell, ex-dipendente della casa di sviluppo, ha commentato in un'intervista a Nintendo Enthusiast parlando del suo passato nel team creatore di Banjo e Kazooie e Donkey Kong Country.

"Penso che molte delle persone che lavoravano in Rare fossero appassionati Nintendo e adoravamo lavorare a così stretto contatto con Nintendo. Rare era inoltre una sorta di piccola famiglia per cui è stato un grosso shock diventare improvvisamente parte di una grande compagnia come Microsoft" ha spiegato Tossell. "Allora ci fu anche un impatto culturale che non fu visibile all'inizio poiché Microsoft ci permise di continuare a lavorare come facevamo prima. Col passare del tempo però e con alcuni cambi allo staff, inclusa la dipartita di Tim e Chris (Stamper), tale cultura è cambiata e abbiamo iniziato a essere più Microsoft e meno Rare. Seppure Rare continuasse a sviluppare giochi di qualità, a me è sembrato che avesse perso la scintilla che aveva reso la compagnia così speciale".

In ogni caso, Rare è un posto che Tossell ricorderà sempre con affetto: "Qualsiasi cosa succederà Rare avrà sempre un posto speciale nel mio cuore". Avendo perso molto dello staff originale, secondo lui la casa di sviluppo sta vivendo una "rinascita".