Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Secondo uno studio i demo danneggiano di molto le vendite

Secondo uno studio i demo danneggiano di molto le vendite

Tech
A cura di Alessandro “Alexru88” Rusconi del 28/06/2013
C'era una volta una rivista lontana lontana che, grazie a un bel CD demo si assicurava migliaia di vendite, anche solo per la dicitura demo giocabili sulla copertina. Oggi è molto diverso: le riviste non ancora chiuse, cercano di alleggerire i prezzi di copertina, guardate un po', eliminando il CD (ormai DVD da anni) allegato. Ormai non serve più, un po' perché molti grazie a internet possono scaricasi le versioni dimostrative senza nemmeno uscire di casa, un po' perché molti giochi di prim'ordine nemmeno presentano una demo.

Comunque, la news non riguarda il panorama dell'editoria nostrana, ma uno studio che analizza, da una prospettiva diversa, proprio l'ultimo spunto che abbiamo elencato: conviene davvero sviluppare una versione dimostrativa, o esiste un metodo alternativo e più efficace?
EEDAR, durante una conferenza in Barcellona (Gamelab), ha presentato i risultati del suo studio. I parametri sono due: trailer e demo. Questi due mezzi hanno utilità certo diverse, e proprio per questo talvolta presentano effetti molto contrastanti. In particolare, in media, i videogame che si presentano sugli scaffali solo con dei trailer venderebbero di più (525,000 in sei mesi) rispetto a quei giochi corredati con delle demo (250,000 in sei mesi).

I dati si riferiscono a delle analisi su Xbox 360. Difficile che lo studio possa avere una reale valenza empirica (si dovrebbe confrontare lo stesso gioco sia con demo che senza nello stesso periodo), tuttavia il dato sembra essere troppo netto per essere preso sotto gamba, essendo i due valori distanti del 100% (250.000 contro 500.000).