Désilets contende a Ubisoft l'IP 1666: Amsterdam perché la trova stupenda

La turbolenta vicenda legata a Patrice Désilets, che è impegnato in un contenzioso legale con Ubisoft, suo ex publisher, riguarda sia il risarcimento (400.000 $) dei danni causati per il suo inaspettato licenziamento - e scorretto a detta del game designer, padre del primo Assassin's Creed -, che l'acquisto dei diritti sulla IP 1666: Amsterdam, titolo sul quale stava lavorando con il suo team in Ubisoft, dopo il fallimento di THQ, compagnia che gli aveva dato carta bianca per il progetto.

Désilets crede molto nel gioco e lo ritiene promettente, "Sto lottando per questo. E' tutto quello che posso dire per adesso. Mi spiace ragazzi, era sorprendete, stupendo. E lo è tuttora, e spero di poterlo riprendere in mano e finirlo, per voi - e per me". La delusione per come sono andate le cose è evidente nelle parole dell'ex dipendente Ubisoft, "Il videogioco inteso come medium è ancora nella sua fase immatura. E' molto più facile in termini di produzione e programmazione mettere insieme le varie componenti di sviluppo piuttosto che creare una reale interazione tra esseri umani.Sarebbe davvero un peccato non riuscire a finire 1666, perché si trattava di un progetto meritevole".
Data di uscita: Fondata nel 1986
Tags: | Ubisoft | Ubisoft
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.