Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Per il vero 3D? Serve una risoluzione superiore agli 80k

Per il vero 3D? Serve una risoluzione superiore agli 80k

Tech
A cura di Alessandro “Alexru88” Rusconi del 20/05/2013
Il 3D attuale, si può dire che sia in realtà un "falso 3D": il suo funzionamento si basa sull'invio alternato di fotogrammi dedicati all'occhio destro e a quello sinistro. Gli occhiali 3D, avendo le lenti polarizzate, permettono ai rispettivi occhi di percepire solo i fotogrammi per il rispettivo occhio.
Ma per NHK, broadcaster giapponese coinvolto negli standard 4K e 8K, il vero 3D, detto "integrale", proietta un'immagine tridimensionale: in questo caso non si tratterebbe di un artificio, ma di una vera immagine a tre dimensioni proiettata verso l'esterno.
Ma c'è un problema: secondo NHK infatti per realizzarlo servirebbero risoluzioni epiche, dalle 10 alle 100 volte superiori alle risoluzioni 4K e 8K attualmente pronte. Parliamo quindi di una cifra compresa tra i 330 MPixel e i 3,3 GPixel. L'8K? Sarà lo standard definitivo sì, ma del 2D sostiene NHK.