Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Warren Spector vorrebbe costruire mondi piccoli ma più dettagliati

Warren Spector vorrebbe costruire mondi piccoli ma più dettagliati

Deus Ex: Invisible War

MULTI

Sparatutto

Inglese

Leader

disponibile

A cura di Davide “Alexander” Dorino del 15/05/2013
In un'intervista rilasciata a Rock, Paper, Shotgun, Warren Spector, creatore di classici senza tempo come System Shock e Deus Ex, ha parlato di concezione di mondi virtuali, che egli vorrebbe "di un centimetro di larghezza e un miglio di profondità" piuttosto che di "un miglio di larghezza e un pollice di profondità".

"Quando la gente pensa ai mondi virtuali, pensa a qualcosa di enorme e completamente esplorabile, sulla falsariga di Grand Theft Auto, Red Dead Redemption, Skyrim, quella roba. Io non l'ho mai fatto. Non ho mai voluto farlo", ha ammesso Spector. Il game designer ha detto che ai tempi di Ultima stava concependo mondi di quelle dimensioni, ma da Underworld, System Shock e Deus Ex si stava già muovendo nella direzione di spazi ridotti e con simulazioni complete, maggiormente immersive: "Sono più interessato alla profonda riproduzione di mondi ridotti. Preferisco fare qualcosa di più profondo".

"Voglio creare mondi, ma per mondi intendo un posto dove ogni oggetto è interattivo. I PNG in realtà hanno qualcos'altro da fare oltre ad uccidere il giocatore. Ogni porta può essere aperta e ha un suo perchè aprirla. Questo è ciò che intendo per la creazione di mondo. Non si tratta di dimensioni e portata, si tratta di profondità e interattività ", ha concluso Spector.