Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
La modalità Ranger di Metro: Last Light sarà disponibile a pagamento per i non pre-order

La modalità Ranger di Metro: Last Light sarà disponibile a pagamento per i non pre-order

Metro: Last Light

PC, PS3, X360

Sparatutto

THQ

17 Maggio 2013

A cura di Davide “Alexander” Dorino del 12/05/2013
Il Ranger Mode di Metro: Last Light - una modalità realistica per giocatori veterani che elimina l'HUD su schermo e rende i nemici più coriacei - è un'incentivo esclusivo per coloro che pre-ordinano il gioco, ma Deep Silver l'ha annunciata anche a pagamento per tutti gli altri giocatori, ad un prezzo di 5$, circa 5 euro o 3.99 £.

Il global brand manager di Koch Media, Huw Beynon, ha detto che "il DLC Ranger Mode per i pre-order è stato incluso come incentivo poiché i contenuti esclusivi come questo stanno diventando un requisito richiesto dai retailer e della vendita al dettaglio. Per gli sviluppatori e i publisher l'offerta di contenuti di gioco esclusivi sta diventando una consuetudine, così la modalità Ranger sembrava la scelta migliore per i fan hardcore, da ottenere pre-ordinando il gioco o scaricandola al lancio. Abbiamo respinto le richieste del publisher di sviluppare contenuti sulla storia o missioni aggiuntive esclusive. Abbiamo anche respinto le richieste per renderla un'esclusiva a tempo".

"Non raccomandiamo la modalità Ranger ad un primo playthrough, e questo è reso molto chiaro anche nel gioco. Ci aspettiamo che i fan di Metro provino questa modalità in occasione di un secondo giro, e pensiamo che il Ranger Mode offra un'esperienza coinvolgente e ricca, ma solo dopo aver terminato il gioco già una prima volta. Abbiamo fatto in modo da soddisfare le richieste relative agli incentivi per i retailer, senza per questo costringere i giocatori a pre-ordinare il gioco, o a farli aspettare per avere questo contenuto aggiuntivo", ha concluso Beynon sulla vicenda promozionale.