Valve testa i videogiochi anche con dati bio-metrici

Sondaggi, statistiche varie, semplici testing? No, Valve sta sperimentando sistemi più originali per comprendere l'entità dell'esperienza di gioco degli utenti. I biofeedback comprendono il movimento degli occhi e il sudore dei giocatori, per capire il livello di stress, e non solo.
Mark Ambinder, psicologo, ha spiegato questi sistemi alla NeuroGaming Conference & Expo della scorsa settimana. L'eye tracking può essere usato anche per muovere il giocatore o per mirare: in Portal 2 i risultati sono stati positivi, e hanno aumentato la velocità di reazione, essendo l'occhio più veloce della mano.
Con la sudorazione invece si possono dimensionare con maggior precisione le tempistiche di gioco, in modo che la media dei giocatori si trovi di fronte a vere sfide, a un ritmo incalzante (su questo dato bio-metrico hanno usato Left 4 Dead per constatare il livello di stress).
Per ora è tutto sperimentale.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.