Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Dettagli e colpi di scena su Timegate e Minimum

Dettagli e colpi di scena su Timegate e Minimum

Timegate Studios

PC, PS3, X360

Fondata nel 1998

A cura di Davide “Alexander” Dorino del 04/05/2013
Timegate Studios - come già detto - ha presentato in questi giorni istanza di fallimento presso la Bankruptcy Court del Texas meridionale, secondo l'Articolo 11 della legge fallimentare negli US. I debiti e le passività oscillerebbero tra i 10 e i 50 milioni di $.

Emergono altri dettagli in merito alla difficile situazione che sta colpendo la compagnia di Sugar Land, Stati Uniti. Minimum, lo sparatutto minimalista free to play che dovrebbee vedere la luce su PC via Steam, sarebbe dovuto uscire sotto etichetta Square Enix, secondo accordi di distribuzione che sono poi saltati in seguito alla ristrutturazione economica del publisher giapponese questo dicembre. A detta di John T. Young Jr., che segue l'istanza fallimentare, Square avrebbe investito nel progetto 3 mlioni di dollari, più altri finanziamenti da concedere dopo la pubblicazione del gioco. La rottura degli accordi di pubblicazione con il publisher è stato, tra gli altri, uno dei motivi delle difficoltà economiche riscontrate nell'ultimo periodo dallo sviluppatore americano. Oltre a dover investire 1 milione $ per continuare i lavori su Minimum, Timegate, dopo la pubblicazione di Aliens: Colonial Marines, ha visto ridursi contemporaneamente i guadagni garantiti dallo sviluppo per terze parti.

A questa situazione critica, la società ha dovuto fare fronte alla perdita della causa contro SouthPeak Interactive per l'IP Section 8, costatagli ben 7,5 milioni $. Questa sentenza ha avuto un impatto negativo non solo su Minimum, ma anche sulle trattative in corso con altri publisher e distributori, con i quali era in contatto nel mese di aprile. Quindi, senza finanziamenti e lavori, lo studios ha affrontato una grave crisi di liquidità, sino alla bancarotta.

Infine, piccolo colpo di scena: dai documenti presentati alla Corte, risulta che Timegate avesse in essere accordi di co-sviluppo con WB Games Montreal per il franchise Batman: Arkham Origins. Il contratto sarebbe di 725.000 $ e si sarebbe dovuto concludere questo agosto, due mesi prima dell'uscita del gioco, il 25 ottobre 2013.