Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Nintendo pensa a modelli di business alternativi

Nintendo pensa a modelli di business alternativi

Wii U (console)
A cura di Pietro Guido “Raxias” Gualano del 01/05/2013
L'amministratore delegato di Nintendo Satoru Iwaya ha recentemente affermato che, per quanto riguarda 3DS e Wii U, la casa giapponese sta seriamente prendendo in considerazione modelli di business alternativi come le soluzioni free-to-play e modelli basati sugli abbonamenti per il futuro:

"Stiamo prendendo in considerazione l'idea di vedere più giochi simili ai free-to-play, giochi che costino molto meno rispetto alla media e giochi che richiedano un canone di abbonamento mensile. La digitalizzazione consente una maggiore flessibilità, per cui avere più modi per fare pagamenti garantisce più opzioni e più comodità sia per gli sviluppatori che per i consumatori. Nintendo 3DS e Wii U hanno inoltre sistemi abbastanza flessibili per gestire queste tendenze, per cui è ormai solo questione di mettere in pratica queste idee."