Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Nancy Pelosi difende i videogame in dibattito sulla violenza

Nancy Pelosi difende i videogame in dibattito sulla violenza

Videogames
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 12/02/2013
Andando controcorrente rispetto ai suoi colleghi, la democratica Nancy Pelosi - entrata nella storia per essere stata la prima Speaker donna (e italoamericana) alla Camera dei Rappresentanti, nonché prima capogruppo donna in una delle camere del Congresso - è intervenuta in difesa dei videogame nel corso di un dibattito dove si discuteva ancora della possibile correlazione tra il medium ludico e la violenza.

"Gli studi ci dicono che in Giappone, ad esempio, hanno i videogame più violenti e la percentuale di mortalità tramite armi da fuoco più bassa. Non so che spiegazione si possa dare di questo dato, se non il fatto che hanno sicuramente delle ottime leggi di regolazione delle armi" ha dichiarato la Pelosi durante il suo intervento a FOX News Sunday.

La Pelosi si è fondata su studi già condotti sulla materia, ed il partito democratico - del quale lei fa parte - ha già chiesto l'esecuzione di ulteriori ricerche che possano chiarire ulteriormente il rapporto tra la cultura popolare e la violenza con armi da fuoco.
Alla sua proposta, il conduttore del notiziario, Chris Wallace, ha dichiarato che a suo modo di vedere i democratici "non hanno bisogno di spendere soldi federali per questa ricerca, ormai sappiamo già tutto", ed ha anche invitato la Pelosi a "andarsene dai suoi amici ad Hollywood."