Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Caso EA - American McGee: il game designer si corregge e si scusa

Caso EA - American McGee: il game designer si corregge e si scusa

Alice: Madness Returns

APPLE, PC, PS3, X360

Azione

Italiano

EA

14 giugno 2011

A cura di Luca “Metalwing” Marletta del 23/01/2013
Il famoso game designer American McGeee ha pubblicato quest'oggi delle scuse sul suo blog, dopo aver dichiarato in un recente post che il publisher EA aveva "ingannato" gli utenti a pensare che il titolo Alice: Madness Returns prodotto dalla sua software house Spicy Horse fosse un gioco horror hardcore: McGee ha quindi ritrattato la dichiarazione e si scusa con EA.

"Con mia grande sorpresa", ha scritto, "tutto questo ha acceso una tempesta di copertura mediatica da parte dei media videoludici. Sono stato oggetto di alcuni messaggi di rimprovero da parte di EA. Alcuni lettori hanno anche suggerito che questo ha ucciso ogni possibilità che io sia mai impiegato da un publisher. Mi permetto quindi di espandere il mio post originale e al tempo stesso di fare una correzione (chiamatela una ritrattazione, se volete). 'Ingannati' è la parola sbagliata. La ritiro. Mi scuso con EA e chiunque altro i cui sentimenti sono rimasti feriti. Electronic Arts non inganna i clienti nel comprare i videogiochi. Hanno applicato attentamente collaudate tecniche di marketing per ottenere la risposta desiderata dai clienti. Se fossero cattivi in ​​questo genere di cose sarebbero stati schiacciati dai loro concorrenti molto tempo fa e si sarebbe giocato un Madden Football prodotto da Activision o Atari o qualcosa del genere.".

McGee passa poi a spiegare che il rapporto tra gli addetti al marketing e gli sviluppatori spesso porta a disaccordi e che oggi viviamo in un mondo in cui le grandi e appariscenti promesse del marketing sono all'ordine del giorno.

"Oltre a ciò," continua, "c'è sempre stato e probabilmente ci sarà sempre tensione tra i publisher e gli sviluppatori. La verità è che i publisher danno al pubblico ciò che vuole (di nuovo, se non fosse così non sarebbero rimasti in attività a lungo). Forse non sono d'accordo sul fatto che i contenuti di gioco siano stati fatti vedere in modo diverso, ma non è la prerogativa dei vecchi creatori? Che si lamentano del fatto che le cose sono troppo forti, troppo chiare o troppo carnose? Alla fine della giornata, ho (o meglio, avevo) un buon rapporto con EA. Mi ha aiutato a dare risalto al mio nome. Ha finanziato due delle mie creazioni preferite. E mi ha aiutato a portare contenuti estremamente originali in un mondo di gioco che spesso sembra dominato da proiettili e tette. Non posso (o non del tutto) dare la colpa a loro o alla loro commercializzazione per qualsiasi dei giochi 'a la Alice', i quali potrebbero o non potrebbero aver fatto delle vendite mirate. Come sviluppatore, posso brontolare con la mia birra su come avrebbe potuto essere diverso se solo ...? Certo che posso! Ma riconosco anche le mie colpe, e le azioni che sono da biasimare per le cose che non sono astate fatte al 100% ... o per accendere inavvertitamente tempeste come questa.".