Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
L'industria videoludica non è sessista, parola della executive di EA

L'industria videoludica non è sessista, parola della executive di EA

Electronic Arts

3DS, PS3, PSVITA, WIIU, X360

EA

Fondata nel 1982

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 21/01/2013
Gabrielle Toledano, executive di Electronic Arts, ha parlato del sessismo nell'industria dei videogiochi, assicurando che si tratta di un argomento privo di fondamenta ed incoraggiando le donne a farsi avanti tra i developer che le cercano e non trovano sufficienti candidate per ricoprire le posizioni richieste.
"Molti hanno accettato come un dato di fatto che sia il sessismo a tenere le donne fuori dagli studi per videogame. Da parte mia, essendoci dentro, ritengo che questo argomento sia fuorviante. È facile accusare gli uomini di non creare un ambiente di lavoro appetibile, ma penso che sia solo un pretesto per tirarsi indietro" ha dichiarato la Toledano a Forbes. "Se vogliamo che più donne lavorino ai videogiochi, allora dobbiamo riconoscere il fatto che il problema non è il sessimo."

Inoltre, specificando che non nega l'esistenza del sessismo, la Toledano ha spiegato di ritenere che l'ambiente dell'industria videoludica non sia peggiore di quello di altri ambiti in cui lavorano prevalentemente uomini: "il problema non è solo nel mondo dei videogame. E non è quello che ci porta a tirarci indietro. Piuttosto che attaccare ed incolpare la maggioranza per il semplice fatto che è la maggioranza, penso che la soluzione dovrebbe partire da noi - le donne."

"Se le donne non si uniscono a questa industria perché pensano che saranno limitate dal sessismo" prosegue l'executive di EA, "stanno perdendo una occasione. Il cielo è l'unico limite, quando si tratta di opportunità di carriere per donne e uomini nell'industria dei videogame. Se vogliamo che le cose arrivino ad una svolta e che la percentuale di uomini e donne possa cambiare, allora serve che siano le donne a rendere questa cosa realtà."

"Il sessismo è una sfortunata realtà dei nostri tempi, ma noi donne dobbiamo trovare l'abilità in noi stesse per fare in modo di cambiare queste dinamiche. Bisogna gettar via questi preconcetti e cercare impieghi ed opportunità che possano essere d'impatto. E posso dirvi che nell'industria dei videogiochi le donne non sono solo benvenute: sono necessarie, e trattate con uguaglianza."