Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
THQ dichiara bancarotta, ma è pronta a rilanciarsi

THQ dichiara bancarotta, ma è pronta a rilanciarsi

THQ

PC, PS3, PSVITA, WII, WIIU, X360

Halifax

Fondata nel 1989

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 19/12/2012
THQ ha deciso di far fronte alla sua grave crisi finanziaria dichiarando bancarotta ed avvalendosi della legge fallimentare Chapter 11 prevista dal codice degli Stati Uniti: grazie ad essa, la software house potrà procedere a riorganizzarsi per il futuro e potrà congelare i suoi debiti in attesa della riuscita del rilancio.
Al momento, la compagnia ha già trovato un accordo con un offerente affiliato al Clearlake Capital Group, dichiaratosi interessato a rilevarla per circa $60 milioni: "Clearlake sta per acquistare sostanzialmente tutti i beni del business operante di THQ, compresi i quattro studi e i videogame attualmente in sviluppo."

Il CEO di THQ, Brian Farrell, ha dichiarato anche che "le vendite e l'archiviazione ora sono i prossimi passi per completare la trasformazione di THQ e preparare la compagna al futuro, dal momento che siamo molto convinti della lineup dei nostri titoli, della forza dei nostri studios e del talento di THQ."

La buona notizia - oltre ovviamente al fatto che THQ non fallirà e continuerà a lavorare su tutti i suoi progetti - è che non sono nemmeno previsti dei licenziamenti, e tutti i dipendenti della compagnia continueranno a lavorare normalmente e saranno pagati come da contratto.

Staremo a vedere, entro i prossimi trenta giorni, se sarà proprio l'affiliato di Clearlake ad acquistare THQ in blocco, o se qualche altra compagnia finanziaria si farà avanti per investire sulla software house.