Il temuto ritorno dei videogiochi killer

Ci risiamo. Ancora. Ma era inevitabile.
Dopo la recente strage scolastica del Connecticut, perpetrata dal ventenne Adam Lanza, le testate giornalistiche locali ed estere non hanno perso tempo ad additare una nuova volta i videogiochi come causa scatenante della furia omicida del ragazzo. Come se potesse bastare questo per trovare una giustificazione convincente all’uccisione di 20 bambini e 6 adulti.
“L’ossessione del killer per Call of Duty” ha intitolato il giornale inglese The Sun un suo articolo di questa mattina, organizzando un attacco diretto alle presunte passioni videoludiche del giovane, suicidatosi al termine del massacro. Perchè è questo che i videogames sanno fare bene: creare persone disturbate, crescere le psicosi degli adolescenti, e portarli facilmente sul baratro della vita a compiere gesti estremi altrimenti incomprensibili.

Voi lettori di Spaziogames capirete certo bene che non è necessario aggiungere proprio altro. Ancora.

Tags: | Videogames
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...

 
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.