Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Professore del MIT critica Windows 8

Professore del MIT critica Windows 8

Windows 8
A cura di Domenico “Naares” Scarpello del 08/12/2012
Philip Greenspun è un professore al MIT (Massachusets Institute of Technology), una delle più prestigiose università di ricerca del mondo, e vanta una grande preparazione in campo scientifico e tecnologico, oltre ad essere un profondo conoscitore della rete. Insieme alle parole dure già pronunziate da numerosi esponenti dell'industria, anche Greenspun si è dichiarato non esattamente entusiasta del nuovo Windows 8, identificandolo come un regalo perfetto da fare al proprio peggior nemico. Le sue parole vanno contro Microsoft, per avere fatto numerosi passi indietro per quanto concerne l'interfaccia, e per non aver implementato tutta una serie di caratteristiche che in iOS e Android sono del tutto basilari. Il colosso di Redmond ha la colpa di non aver sfruttato i quattro anni di cui avrebbe potuto disporre per studiare i sistemi operativi della concorrenza, decidendo di puntare su qualcosa di troppo personale e troppo diverso rispetto a quanto già presente sul mercato. Secondo Greenspun ciò è molto dannoso, perché oggi come oggi qualsiasi utente esperto con una precedente versione di Windows, con iOS o con Android si troverebbe del tutto spiazzato con il nuovo Windows 8, eccessivamente diverso in troppi aspetti.