Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Gli sviluppatori di Arma III ringraziano dalle carceri

Gli sviluppatori di Arma III ringraziano dalle carceri

ArmA III

PC, PS3, WIIU, X360

Sparatutto

Italiano

12 settembre 2013

A cura di Domenico “Naares” Scarpello del 29/11/2012
A circa due mesi e mezzo dalla loro incarcerazione su territorio greco, i due sviluppatori di ArmA III Ivan Buchta e Martin Pezlar hanno scritto una lettera di ringraziamento ai fan e ai supporters che stanno cercando di far sentire la propria voce un po' da tutto il mondo. Dopo numerose proteste verbali e scritte, l'intervento della software house e di migliaia di giocatori da tutto il mondo, il Governo greco ha negato la proposta di cauzione per i due developers, attualmente accusati di spionaggio militare e in attesa di processo, che nel peggiore dei casi li vedrà costretti a scontare venti anni di reclusione. Nella lettera si ringrazia per il calore e il supporto dimostrato, con i due uomini che fanno sapere di venir trattati bene, e che vorrebbero tornare a casa. Anche lo stesso Presidente della Repubblica Ceca Vàclav Klaus è intervenuto nella faccenda, chiedendo che il Presidente greco vada a interessarsi personalmente della questione per assicurarsi che venga fatta giustizia. A seguire la lettera scritta dal pugno dei due developers.