Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Molyneux: disgustato dal parlare di profitti e monetizzazione

Molyneux: disgustato dal parlare di profitti e monetizzazione

Curiosity

APPLE, PC, TECH

Puzzle game

Inglese

6 novembre 2012

A cura di Francesco “Mastelli Speed” Ursino del 08/11/2012
Peter Molyneux parla del rapporto tra sviluppatori e profitti in occasione del lancio della sua ultima creazione, Curiosity, titolo che in futuro prevederà anche l'inserimento di microtransazioni: "Non dovresti sviluppare giochi per fare soldi. Ma, in verità, se ci costringeste a bere una sorta di siero della verità, scommetto che tutti quanti lo ammetterebbero. Siamo onesti: abbiamo bisogno di soldi".

"La cosa che mi disgusta" - continua Molyneux - "è che il mondo indie è avido. Prendiamo i giochi free-to-play: in un sacco di titoli freemium che ho provato si ha la ovvia sensazione che l'obiettivo di tutto sia quello di spremere tutti i miei fondi nel minor tempo possibile. Si tratta solo di questo. Vogliono spremermi in dieci ore di gameplay, ingurgitarmi e sputarmi fuori. Tutto questo è sbagliato. In un sacco di giochi free-to-play sento sia sbagliato spendere denaro: mi sento come se avessi imbrogliato, ma al tempo stesso mi sento impaziente, e annoiato".