Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
USA: paura per <b>cyberguerra</b>

USA: paura per cyberguerra

Tech
A cura di Domenico “Naares” Scarpello del 15/10/2012
Durante una riunione per la sicurezza nazionale tenutasi a New York, il segretario della Difesa statunitense Leon Panetta ha parlato del nuovo ruolo strategico rivestito dalla rete, e dal pericolo che un cyber attacco potrebbe comportare nell'immediato futuro. Secondo le sue dichiarazioni un'offensiva di questo tipo potrebbe avere conseguenze disastrose, economicamente paragonabili a quanto avvenne l'11 settembre. Panetta è stato in precedenza il direttore della CIA, e a suo dire attacchi di questo tipo sono destinati ad aumentare vertiginosamente in futuro. Internet diverrà in pratica una specie di nuovo campo di battaglia, e senza le giuste protezioni un attacco di cyber terrorismo potrebbe a conti fatti paralizzare l'intera nazione.
Oltre a questo, gli scenari possibili sarebbero molteplici: i terroristi potrebbero ottenere informazioni su persone e su edifici, potrebbero ottenere il controllo di infrastrutture, far deragliare treni passeggeri, mezzi contenenti sostanze chimiche, contaminare i sistemi idrici delle città, mettere fuori uso la rete elettrica e via dicendo. Queste azioni, magari in concomitanza con un attacco fisico, potrebbero mettere in ginocchio un intero Paese.