Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Capcom sulle critiche a <b>RE6</b>

Capcom sulle critiche a RE6

Resident Evil 6

PC, PS3, X360

Action-Adventure

Halifax

2 ottobre 2012 (PS3, Xbox 360) - 22 marzo 2013 PC - 29 marzo 2016 (PS4/Xbox One)

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 02/10/2012
Le critiche a Resident Evil? Come il disaccordo di due genitori sull'educazione del proprio figlio. È con questa similitudine che Capcom ha voluto rispondere a chi, dopo l'arrivo di Resident Evil 6, puntava il dito contro la serie, sempre più action-oriented.
È stato Hiroyuki Kobayashi, executive producer del gioco, ad esporre il punto di vista della software house: "io penso sempre a Resident Evil come ad un bambino, del quale i fan e noi autori siamo i due genitori. I giochi che ne derivano, sono i bambini nati da entrambi. E, proprio come dei veri genitori, non si può essere sempre d'accordo su come educare ed allevare il bambino. Noi vogliamo essere sicuri di creare qualcosa che sia gradito dai nostri fan, ma la reazione iniziale può non essere sempre positiva" ha spiegato.

"Noi ascoltiamo i nostri fan, ma non possiamo esser costretti a rivolgerci a loro per ogni decisione, o lo sviluppo della serie non farebbe mai dei progressi" ha poi concluso Kobayashi.