Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Inaba difende <b>developers</b> JP

Inaba difende developers JP

Videogames
A cura di Domenico “Naares” Scarpello del 25/09/2012
Il brillante ed esplicito creatore della serie Okami si è pronunciato nell'ultimo numero di Edge in difesa dell'industria giapponese, dichiarando che massificare e fare di tutta l'erba un fascio è da ignoranti, nonché una cosa parecchio risibile. Inaba ha dichiarato che, se da una parte è verissimo che un gran numero di developers nipponici non sono particolarmente talentuosi, la stessa cosa si può dire di quelli occidentali. Esistono software house brillanti e capaci di produrre bei lavori, altre che non hanno la qualità o le idee necessarie per raggiungere certi risultati. Esaltarsi per i risultati di Infinity Ward (ovvio riferimento di Inaba alla serie Call of Duty) che riesce a piazzare 20 milioni di copie non significa che i developers occidentali siano tutti eccellenti, ma semplicemente che quello specifico developer è riuscito a realizzare qualcosa di valido e a venderlo bene.