Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
<b>Megaupload</b>: raid casa Dotcom illegale

Megaupload: raid casa Dotcom illegale

Tech
A cura di Francesco “Mastelli Speed” Ursino del 29/06/2012
Il giudice Helen Winkelmann ha stabilito che i mandati che hanno permesso a più di 90 agenti neozelandesi di perquisire la casa di Kim Dotcom, fondatore di Megaupload, sono stati forzati nel contenuto. Il giudice, infatti, ha affermato che i mandati mancavano di adeguatezza "in relazione al reato contestato", aggiungendo che appare "chiaro che la polizia, eseguendo il mandato, è andata oltre i poteri legalmente riconosciutigli".

Dotcom ha dichiarato: "Siamo veramente contenti di questa decisione. Stiamo analizzando il verdetto del giudice Winkelmann e organizzando le nostre mosse future". La prossima apparizione delle parti è prevista per il 4 luglio.