Ellis: gli Shooter non portano soldi

l'ex co-fondatore di Free Radical, Steve Ellis, sente che non c'è spazio nel mercato degli sparatutto per qualsiasi cosa tranne che per le serie Battlefield e Call of Duty: Ellis, che era parte integrante dello sviluppo di Goldeneye 64 prima di passare allo sviluppatore di Timesplitters, ha dichiarato che gli altri Shooter semplicemente non possono competere con i due colossi del genere FPS.

"Nessuno compra più gli FPS a meno che non si chiamino Call Of Duty.", ha affermato in una recente intervista, "Credo che Battlefield stia andando bene, ma a parte questo praticamente ogni FPS fa perdere del denaro alle software house.".

Ellis ha infatti spiegato che Crysis 2, per esempio, non è riuscito neanche lontanamente a recuperare i suoi costi di sviluppo e, come tale, i publisher non sono più interessati a FPS di secondo piano.

"Ho passato tutto il 2008 a parlare con gli editori per cercare invano di dare una possibilità a Timesplitters 4.", ha aggiunto Ellis, "Non c'è l'interesse nel fare qualcosa che cerchi di allontanarsi dalle regole del genere poichè nessuno vuole fare qualcosa di bizzarro e diverso, perché è un rischio troppo grosso. E gran parte di questo deriva anche dai costi di sviluppo.".
Tags: | Azione | Console
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.