Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Iran censura e nazionalizza <b>internet</b>

Iran censura e nazionalizza internet

Internet
A cura di Francesco “Mastelli Speed” Ursino del 10/04/2012
Milioni di internauti iraniani potrebbero essere presto tagliati fuori, in modo permanente, da internet.
Il ministro per l'informazione e le comunicazioni tecnologiche, Reza Taghipour, ha infatti annunciato un piano per creare una rete intranet nazionale entro cinque mesi: l'obiettivo dichiarato è quello di costruire una rete internet "pulita".
Queste le parole di Taghipour: "Tutti i provider dovranno fornire il servizio internet nazionale entro agosto".
Ciò significa che siti come Google, Hotmail e Yahoo saranno bloccati e rimpiazzati da servizi governativi nazionalizzati, come Iran Mail e Iran Search Engine, secondo un report di International Business Times. Il governo, infatti, ha già cominciato la procedura di registrazione degli utenti ai servizi in questione.

L'Iran non è nuovo alle censure dei servizi internet internazionali: molti utenti, di fatto, superano i blocchi imposti grazie a server proxy.