Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
<b>ACIII</b>, no alle location noiose

ACIII, no alle location noiose

Assassin's Creed III

PS2, PSP, X360

Action-Adventure

Italiano

Ubisoft

31 ottobre 2012 console - 22 novembre 2012 PC

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 06/04/2012
Prima dell'annuncio che ha confermato ufficialmente che Assassin's Creed III sarebbe stato ambientato durante la Rivoluzione Americana, sono stati tanti i rumor e le chiacchiere che si sono succeduti relativi alla palpabile ambientazione per la nuova avventura degli Assassini. Abbiamo sentito parlare di Egitto, di Giappone feudale, addirittura di Europa nel corso della Seconda Guerra Mondiale: tutte ipotesi che poi non hanno trovato riscontro nella realtà delle decisioni prese dal team di sviluppo, che ha optato, come detto, per gli Stati Uniti. Voci, insomma, che erano più speranze degli utenti che non reali intenzioni dei developer.

Se, fino ad oggi, vi siete chiesti perché Ubisoft abbia deciso di escludere queste ipotesi, la risposta arriva direttamente da alcune dichiarazioni rilasciate da Alex Hutchinson, creative director di Assassin's Creed III: "le persone su internet hanno suggerito le ambientazioni più noiose. Quelle più nominate erano la Seconda Guerra Mondiale, il Giappone feudale e l'Egitto. Penso che siano tre tra i peggiori setting in cui potremmo mai ambientare un Assassin's Creed".

In compenso, Hutchinson si è detto attratto dall'India: "Corey May [writer del gioco] è molto interessato all'India, e anche a me piace. Mi piacerebbe il Raj".