Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
<b>Kindle Fire</b> venduto in perdita

Kindle Fire venduto in perdita

Kindle Fire
A cura di Pasquale “P.squalo” Fabbozzi del 22/11/2011
La ricerca di mercato compiuta da IHS ha dimostrato come il nuovo Kindle Fire di Amazon sia venduto ad un prezzo inferiore rispetto al costo di produzione. Infatti, sembra che per Amazon i costi di produzione siano pari a 185,60 dollari a cui vanno aggiunte le varie spese che portano il dispositivo ad un costo di 201,70 dollari: l’azienda, per ogni tablet venduto, perde 2,7 dollari.

Il direttore di IHS, Andrew Rassweiler, ha confermato che vendendo il tablet a 199 dollari, Amazon non ne ricava davvero una perdita, ma si tratta di un disavanzo da considerarsi quasi “virtuale” perchè l’azienda non guadagna dalla vendita dei dispositivi ma dai servizi ad esso associati, seguendo il modello di business di AT&T, Verizon oppure, volendo citare l’Italia, come le nostre compagnie telefoniche che vendono i dispositivi ad un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello di mercato, legando però i clienti con contratti biennali di servizi che consentono loro di recuperare il passivo e poter guadagnare.