Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
<b>Playdead</b> su retail e digital delivery

Playdead su retail e digital delivery

Playdead (software house)

3DS, APPLE, NDS, PC, PS3, PSP, WII, X360

Fondata nel 2006

A cura di Andrea “jewel” Rubino del 01/11/2011
In una recente intervista Dino Patti di Playdead, software house nota per il pluripremiato Limbo, ha avuto modo di discutere del modello retail nell'industria videoludica odierna, mostrando senza remore di essere decisamente a favore del digital delivery. Di seguito uno spaccato delle sue dichiarazioni:

"Portare i dischi in giro per il mondo guidando un grosso furgone è davvero inefficiente. Non capisco come si possa pensare di fare più soldi in questo modo. Portare un camion in Giappone per consegnare la stessa merce che si potrebbe ottenere online? Spero che le nuove console sposeranno il modello download più di oggi."

"In termini di denaro il disco è ancora superiore download. C'è ancora un sacco di gente che compra i propri giochi in quel modo perché hanno una presenza migliore ".

Patti ha poi concluso esibendo la propria frustrazione verso i giochi console che hanno bisogno di essere installati, cosa che in sua opinione non fa altro che rendere sfocato il divario tra PC e console.

"Io stesso odio avere il disco. Compro un disco soltanto se voglio un gioco per console, ma tutto il resto lo scarico da Steam. E tutti i nuovi giochi di oggi hanno perfino bisogno di essere installati. Perché ho comprato una console se i giochi hanno bisogno di essere installati? E' una pessima cosa. E' praticamente un PC."

"Dovrebbe essere più in stile plug and play. Le prime console erano a cartucce. Quanto ci vuole, un'ora per installare Gran Turismo 5? Non lo so. Ovviamente migliora le prestazioni, ma oggi dovrebbero essere in grado di costruire console in grado di ottenere ottime prestazioni già dal lettore."