Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Apple rifiuta una richiesta dell'FBI e spiega il perché ai propri utenti

Apple rifiuta una richiesta dell'FBI e spiega il perché ai propri utenti

Apple
A cura di Samuele “SamWolf” Zaboi del 17/02/2016
Apple e Tim Cook, CEO dell'azienda di Cupertino, hanno scritto una lettera aperta verso gli utenti per informarli di alcuni fatti che hanno visto coinvolto l'FBI. Il Bureau ha infatti chiesto ad Apple di realizzare una “chiave master” per i futuri sistemi iOS. La richiesta è stata fatta in seguito alla sparatoria che è avvenuta a San Bernardino durante il mese di dicembre: nel corso dell'indagine è stato recuperato un iPhone e l'FBI avrebbe chiesto ad Apple di aggirare i dati del dispositivo.

Per molti anni abbiamo utilizzato la crittografia per proteggere i dati personali dei nostri utenti perché crediamo sia l'unico modo per mantenere al sicuro le loro informazioni” ha spiegato Tim Cook “Abbiamo messo i dati al di fuori della nostra portata perché crediamo che il vostro contenuto sul vostro iPhone non sia affar nostro.”
L'FBI può usare diverse parole ma costruire una versione di iOS che possa aggirare i sistemi di sicurezza sarebbe come realizzare, innegabilmente, una backdoor” ha proseguito Cook “Anche se il governo sostiene che il suo utilizzo sarà limitato a questo singolo caso, non c'è alcun possibile controllo su di esso. Le implicazioni delle richieste del governo sono agghiaccianti. Stiamo sfidando le richieste dell'FBI con il più profondo rispetto per la democrazia americana e con tutto l'amore verso il nostro paese.”
Non mancheremo di tenervi aggiornati sugli sviluppi inerenti questa vicenda.